È anche per colpa dei soldi se il mondo ricco ha reagito tardi al virus. Le bombe biologiche come il resort austriaco di Ischgl o le spiagge della Florida o la partita Atalanta-Valencia a San Siro non si contano. Nient’altro che paura di perdere quegli stramaledetti soldi. Da settimane molte fabbriche insistono di voler restare aperte spalleggiate da Confindustria. Non vogliono perdere commesse e clienti che magari attendono i loro yatch superlusso in qualche torrido emirato. I soldi prima di tutto, anche della vita delle persone, anche del rischio di amplificare l’infezione. I soldi. Una pazzia. Che condiziona la nostra vita. Che condiziona la nostra società. Trump, Johnson ma anche Macron, marionette delle lobby che han perso tempo prezioso per arginare il contagio. Dovevano scegliere da che parte stare. O da quella dei soldi o da quella della salute pubblica. Ed hanno esitato. Perché se sono in quei palazzi lo devono ai soldi, lo devono ai potentati che hanno sponsorizzato le loro carriere. Soldi e uno spettacolo davvero epocale. Il virus ha mandato in coma il mondo ricco in pochi giorni. Anche se si sapeva benissimo che una nuova pandemia sarebbe arrivata prima o poi. Ma nessuno ha investito in un sistema per fronteggiare queste emergenze. Anzi. Si è progressivamente smantellando la sanità pubblica, trasformando la salute da diritto universale a costosa mercanzia. Soldi. Stramaledetti soldi. Che corrompono le anime ma anche il cervello. Produciamo mine antiuomo e pistole, non mascherine e guanti. Produciamo lusso superfluo quando gran parte del pianeta è in miseria. E poi ci lamentiamo pure se ci troviamo i disperati a casa nostra. Soldi. Una pazzia. Individuale e collettiva. Il virus bazzicava ancora per Codogno quando gli sciacalli delle borse scommettevano sul decesso di un’Italia infettata oltre che vecchia e con malattie pregresse. Poi il virus ha varcato le Alpi e il casinò finanziario è rimasto con ben poco su cui speculare ed è andato in tilt. Stramaledetti soldi. Alcuni senatori statunitensi son stati beccati a vendere azioni per milioni di dollari qualche ora prima del devastante crollo di Wall Street. Sapevano dell’imminente catastrofe grazie a un rapporto dell’intelligence. Nelle stesse ore negavano la pandemia, come il loro presidente. Motherfuckers. Money, money e ancora money. Scoppiata la pandemia negli Stati Uniti Amazon ha assunto subito 100 mila nuovi addetti al magazzino e alle consegne. Ed è solo l’inizio. Con un paese in lockdown prevedono un picco vertiginoso negli ordinativi. Come in ogni guerra, c’è sempre chi guadagnerà fortune. In cambio il signor Amazon e i suoi colleghi multimiliardari donano spiccioli e cioè milioni di dollari per mascherine e respiratori. Pubblicità ingannevole ma forse anche un dannato bisogno di sentirsi in pace con la propria coscienza. Sono vittime anche loro della pazzia di un mondo che rotea attorno ai soldi. Ma dalla parte giusta. Le saracinesche del mondo ricco sono abbassate e si preannuncia un’inondazione di soldi pubblici senza precedenti per salvare la baracca e ripartire. Furbi e parassiti si son già messi il tovagliolo attorno al collo per quella che si preannuncia come la mangiatoia del secolo.  Trump twitta già che “la cura non può essere peggiore della malattia”. Non è ancora riuscito a garantire i tamponi e già vuole il business as usual. Segnali scoraggianti. Il rischio è che passata la pandemia nessuno si ricorderà più delle bombe biologiche, delle esitazioni dei governanti o della glaciale avidità delle fabbriche. Il rischio è che quelli che oggi tutti osannano come eroi torneranno ad essere dipendenti di un servizio sanitario pubblico da snobbare. La pazzia dei soldi svenduta come normalità.

Tommaso Merlo

US quarantine, 100 dollar banknote with medical mask. The concept of epidemic and protection against coronavrius.